PSA rende più sano l'ambiente in cui trascorri la maggior parte del tuo tempo

ZANZARE

ZANZARA e ZANZARA TIGRE

(Culex pipiens – Aedes albopictus)

 

LE ZANZARE

Come ogni anno, le zanzare sono diventate, soprattutto nei periodi estivi, un insetto dal quale doversi proteggere per evitare i fastidi e le irritazioni da esse causati.

culexmosquitobiting

Esistono alcuni piccoli accorgimenti che ci permettono di attenuare il problema; ci sono azioni che quotidianamente possiamo fare o non fare per non permettere alle zanzare di aumentare di numero.

Cosa Fare:

  • Svuotiamo i sottovasi dopo ogni annaffiatura.
  • Lo svuotamento deve avvenire nel terreno.
  • All’inizio della bella stagione facciamo pulire i tombini.
  • Eliminiamo qualsiasi tipo di raccolta d’acqua in bidoni, cisterne e recipienti vari non protetti, posizionati in prossimità degli orti.
  • Dotare questi contenitori, per le riserve d’acqua, di coperchi a chiusura ermetica o di rete antizanzare.
  • Verifichiamo che i canali di gronda siano pervi e i pluviali non siano otturati.
  • Se abbiamo una fontana o un laghetto mettiamoci dei pesci rossi, penseranno loro ad eliminare le larve.

Cosa non fare:

  • Non lasciamo vasi vuoti impilati, soprattutto di plastica, all’aperto e al sole (fanno da incubatrice per le larve).
  • Non copriamo con teli di plastica le cataste di legna od ogni cosa che lasciamo in qualche angolo del nostro giardino o balcone, ogni avvallo che si forma permette il ristagno di acqua.
  • I pneumatici della macchina sistemiamoli nel box o in cantina, al fresco. Se non ci servono più conferiamoli alla piattaforma ecologica, la gomma si scalda e se l’acqua entra e ristagna: effetto incubatrice..

 

Le zanzare depongono le uova nell’acqua o sulle pareti interne di tutto ciò che contiene acqua, compresi gli incavi degli alberi.

Si schiudono quando l’acqua le sommerge dando origine alla larva che diventerà insetto adulto in un tempo che dipende dalla specie, dal calore dell’acqua e da altri fattori ambientali.

In condizioni ottimali il ciclo può compiersi in una settimana (Culex pipiens).Le uova deposte sono in grado di superare l’inverno.

Una zanzara tipica del nostro territorio è la CULEX PIPIENS, come recentemente si è molto diffusa un’altra specie di zanzara, la AEDES ALBOPICTUS, comunemente nota come zanzara tigre.

Mentre la prima colpisce soprattutto di notte, la zanzara tigre colpisce anche di giorno.
Pomfi e prurito sono la classica reazione ad una puntura di una zanzara.
Una nota particolare è che solo la femmina della zanzara si nutre di sangue, mentre il maschio nutre di succhi vegetali.

LOTTA LARVICIDA

Una volta individuati i focolai si distribuisce il principio attivo larvicida sotto forma di compresse, granuli o liquido.

L’operazione viene ripetuta periodicamente e l’intervallo di tempo tra un’applicazione e l’altra varia in base al prodotto impiegato.

I trattamenti coprono un periodo compreso tra marzo/aprile e fine ottobre.

Un intervento viene ripetuto abitualmente dopo abbondanti piogge.

ZANZARA TIGRE (Aedes albopictus)

LOTTA ADULTICIDA

Gli interventi adulticidi vengono eseguiti con appositi nebulizzatori carrati o spalleggiati in grado di irrorare le superfici erbose o le alberature in modo uniforme.

Questi interventi vengono eseguiti, di norma, nel periodo estivo quando la presenza degli adulti raggiunge il suo apice.

Disinfestazione zanzare con atomizzatore

Disinfestazione zanzare con atomizzatore