PSA rende più sano l'ambiente in cui trascorri la maggior parte del tuo tempo

ZECCA MOLLE DEI PICCIONI

Argas reflexus

 

Questo parassita è molto simile alle zecche del cane, ma a differenza di queste, compie un pasto di sangue molto breve e di notte.

La maggior parte del tempo non lo trascorre quindi attaccato al piccione, ma nell’ambiente.

Durante la notte le zecche, attirate dal calore e dall’emissione di anidride carbonica delle persone addormentate, possono avvicinarsi e pungerle per succhiarne il sangue.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il pasto di sangue è particolarmente rapido, 5-10 minuti, il parassita per ottenere abbastanza nutrimento trattiene la parte proteica e corpuscolata (globuli rossi e globuli bianchi) e re-inietta i liquidi.

In questo modo, però, la zecca immette nell’ospite delle proteine proprie e questo causa  reazioni allergiche che possono risultare molto gravi, specialmente in caso di contatti ripetuti.

DIFESA: Ispezionare accuratamente le camere da letto, evitare di mettere le lenzuola alla finestra, far eseguire apposite disinfestazioni, ma, soprattutto, conoscere i sintomi di una eventuale reazione allergica, sono accorgimenti che possono tenere sotto controllo il rischio sanitario.

Attenzione all’uso casalingo e indiscriminato di disinfestanti che, se usati non correttamente, possono costituire un pericolo e non una soluzione!

Importante fare una bonifica dello stabile infestato.

Fondamentale importanza impedire che i piccioni continuino a nidificare nello stabile, provvedere ad un’accurata pulizia con asportazione del guano e far effettuare apposita disinfestazione (effettuate da personale specializzato con prodotti specifici).

Tali interventi devono interessare tutte le zone dell’edificio dove sono presenti i piccioni (ad esempio tutto il sottotetto).

Effettuare interventi in singole unità abitative di un complesso serve solo a tamponare la situazione e non a risolvere il problema.

Attenzione: un altro motivo che può indurre i piccioni a frequentare lo stabile è perché trovano del cibo dovuto allo scuotimento di tovaglie o perché lo si offre loro.

Le disinfestazioni, in particolare, vengono ripetute più volte (le prime a distanza di un mese, in seguito anche più distanziate).

Per disinfestare completamente uno stabile possono occorrere a volte anche anni.

Prima di questi interventi vengono effettuate delle accurate operazioni di pulizia ed asportazione del guano, perché le zecche sono difficilmente aggredibili dai prodotti disinfestanti se protette dalla sporcizia.

L’effettuazione dei primi interventi di pulizia e rimozione del guano, come anche eventuali ristrutturazioni, possono mobilizzare le zecche causando un aumentato rinvenimento di queste negli appartamenti.

Per impedire l’accesso dei piccioni ai sottotetti, può essere sufficiente munire i fori d’aerazione di reti che impediscono loro di entrare, senza menomare l’aerazione dei locali.

Zecca molle dei piccioni 2

Se i tetti sono malandati è possibile che i colombi riescano ad intrufolarsi smuovendo le tegole e/o attraverso fessure già presenti, in particolare tra muri perimetrali e tetto.

Una soluzione è ovviamente la sistemazione delle tegole e la chiusura di ogni possibile accesso.

Se i colombi usufruivano del sottotetto da molto tempo sono estremamente motivati a ritornarci, tanto da riuscire a forzare le reti se non sono ben sistemate!

REGOLAMENTO D’IGIENE DEL COMUNE DI MILANO